Perdita di peso

Dimagrire Velocemente è rischioso?

Dimagrire Velocemente è rischioso?

La pubblicità che bombarda, il ritmo di vita quotidiana sempre più veloce e la scarsa autostima spingono le persone, qualora ne avessero bisogno, a cercare di perdere peso velocemente; va fatto tutto alla svelta, risultati visibili immediatamente e con sforzi relativi. Sì, magari queste persone devono rinunciare a degli alimenti che adorano, come pasta pane, dolci etc, ma poco importa come dimagrire, possono fare anche un sacrificio di qualche mese, basta perdere peso!

Dimagrire velocemente però può avere degli effetti negativi; perdere troppi chili in poco tempo può compromettere la salute del soggetto perché diete così proibitive non danno il giusto apporto nutritivo di cui l’organismo ha bisogno ed inoltre possono esserci delle carenze di ferro e vitamine.

Ma se queste persone se ne fregano della propria salute, forse rimarranno più colpite se gli effetti negativi del dimagrimento veloce si vedono anche sul corpo, come le smagliature, che sono una delle conseguenze di una cattiva elasticità della pelle che subisce molto gli sbalzi di peso, e la perdita del tono muscolare; le diete veloci non agiscono tanto sulla riduzione del grasso bensì determinano un’importante riduzione della massa magra, cioè  dei muscoli; in sostanza sarete apparentemente magri ma flaccidi! In realtà è il grasso “interno” o “viscerale” a non ridursi. Questo eccesso di grasso interno ha le medesime conseguenze dell’essere in sovrappeso cioè il rischio di diabete, malattie cardiovascolari, ipertensione, etc., nonostante l’aspetto fisico esteriore sia più magro e voi abbiate raggiunto il normopeso!

Quindi attenzione!

Delle diete così proibitive non raggiungono le calorie necessarie al fabbisogno giornaliero e ciò crea uno stress nell’organismo che, appena ricomincerà una normale dieta, tenderà ad accumulare nuovamente grasso per poter avere una scorta, dato il periodo di carestia a cui è stato sottoposto, e ciò porterà a prendere più peso di quello che si era perso.

Le diete superveloci e super efficaci in genere sono quelle iperproteiche.

Si fondano nella riduzione, se non addirittura nell’ esclusione completa dei carboidrati e sono a bassissimo apporto calorico, spesso, come sopra detto, anche inferiore alle reali necessità dell’organismo.

Non ci sono dubbi che queste diete facciano effettivamente perdere peso velocemente perché inizialmente si perdono i liquidi, ma quando arriverà il momento di reintrodurre i carboidrati si tornerà ad ingrassare e il metabolismo ne esce senza dubbio scombussolato.

Inoltre, come accennato sopra, sono diete a basso apporto calorico e quindi provocano molto spesso carenze di micronutrienti quali minerali e vitamine, con effetti come: stanchezza, affaticamento, difficoltà di concentrazione, insonnia, sbalzi di umore, etc.

Non escludiamo inoltre i danni ai reni, al fegato, alle arterie e al sistema circolatorio, dato che le diete iperproteiche promuovono l’uso esclusivo di grassi saturi di origine animale.

Una giusta perdita di massa grassa può essere garantita da una perdita di peso equilibrata, circa 1 kg a settimana: ovviamente è un dato soggettivo, questo varia da persona a persona considerando, per esempio, il peso iniziale. Un peso maggiore può permettere una perdita settimanale più cospicua.

Una dieta equilibrata e non basata sul perdere peso velocemente porterà senz’altro maggiori benefici: ci sarà un miglioramento delle capacità fisico-psichiche, dell’umore, sarà una dieta più sostenibile, non restrittiva, perché più ricca di calorie, ci sarà una regolazione dello stimolo della fame, un corretto transito intestinale perché più ricca di fibre, avverrà un aumento del metabolismo e ci sarà un minor rischio di sviluppare alcune patologie come diabete, ipertensione e problemi cardiocircolatori. Inoltre ci sarà un miglioramento del tasso di colesterolo, trigliceridi e glucosio nel sangue.

Dimagrire con responsabilità!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *